News
Progetto digitalizzazione: è iniziata la fase 2
14 Ottobre 2015 - 9:27:59am

Cari membri della "Genealogia di Caposele" ed amici Caposelesi, il progetto di digitalizzazione dei registri parrocchiali della chiesa di San Lorenzo Martire del 1748-1810 sta andando avanti.







Grazie al vostro aiuto, sono stati digitalizzati i seguenti 4 volumi:

- volume 1748-1767:
Battesimi 1748-1773 , Cresime 1759-1761
Matrimoni 1748-1767 , Morti 1748-1766

- volume 1767-1790
Battesimi 1773-1790 , Matrimoni 1767-1787
Cresime 1775-1780 , Morti 1768-1790

- volume 1791-1801
Cresime 1790 1800 , Battesimi 1790-1801
Matrimoni 1788-1801 , Morti 1790-1801

- volume 1801-1812
Battesimi 1801-1812 , Cresime 1804
Matrimoni 1801-1812 , Morti 1801-1812

Questi registri ci hanno consentito di rintracciare gli antenati
dei nostri membri vissuti a Caposele fino ai primi del 1700.

Visto che con la fase 2 del progetto ‎(alcuni registri successivi al 1810)‎ si ha un costo stimato di 600 euro, sta continuando la raccolta fondi ‎(per info contattare John Rendfrey [email protected]‎, oppure Pasquale Ceres ‎[email protected]‎), aperta a tutti gli iscritti al sito, e ai Caposelesi interessati alla preservazione delle loro radici. Ringraziamo gli amici che hanno gia' contribuito con una donazione:

Rita Mattia
Carmela Judy Ciallella
Pat Tobie
Michelle Sforza
Cesare Gaetano Nesta
Nicola D'Auria
Lucio Nesta
Alessandro Russomanno
Maria Mattia Paturel
Michele Ceres
Diane Ventuno
Gerardo Ceres
Gerry Meola
Giuseppe Ceres
Gail Mattia Boffa
Allan McDonald
John Curcio
Neil Sturchio
Antonio Mattia
John O'Connor
David Michalak
Bill La Rezza
Donato Ceres
Armando Sturchio
Gerardo Del Guercio
Luciano Viscido
Rev. Thomas D. Nicastro Jr
Paolo Viscardi
Caren Matyckas
Eduardo Carey Russomanno
Rita Mattia ‎(nuova donazione)‎
Bill La Rezza ‎(nuova donazione)‎
Maria Gonnella Rosamilia
Idelma Di Masi
Mark Ceres
Frank Caprio
Dan Ravelo
Rosa Caruso

Fino ad ora l'ammontare delle donazioni ha raggiunto 2677 euro ‎(3631 $)‎: speriamo in una numerosa adesione!

Alcune foto sono state caricate nell'album del gruppo Facebook "Genealogia caposelese".Per vederle andate qui. In basso alcune foto.


Foto dal volume 1767-1790 - copertina:
pagina registro parrocchiale 1773

Foto dal volume 1790-1810 - inizio elenco dei battezzati:
pagina registro parrocchiale 1790



----------------------------------------------
Digitalization project: phase 2 has started

Dear members of "Genealogia di Caposele" and fellow Caposelesi, the project to digitalize the San Lorenzo Martire church records from 1748-1810 is in progress.







Thanks to your help, the following 4 books were digitalized:

- volume 1748-1767:
Baptisms 1748-1773 , Confirm. 1759-1761
Marriages 1748-1767 , Deaths 1748-1766

- volume 1767-1790
Baptisms 1773-1790 , Marriages 1767-1787
Confirm. 1775-1780 , Deaths 1768-1790

- volume 1791-1801
Confirm. 1790 1800 , Baptisms 1790-1801
Marriages 1788-1801 , Deaths 1790-1801

- volume 1801-1812
Baptisms 1801-1812 , Confirm. 1804
Marriages 1801-1812 , Deaths 1801-1812

Using these records we have been able to trace many of our members
family lines back to the early 1700's in Caposele.

As the project ‎(now in phase 2, for some record books for years following 1810)‎ has an estimated cost of $1500+$600, the fund raising goes on ‎(for info please contact John Rendfrey [email protected]‎ or Pasquale Ceres ‎[email protected]‎), open to all registered users of the site and to Caposelesi interested in preserving their roots. We would like to thank the friends that have already contributed with a donation:

Rita Mattia
Carmela Judy Ciallella
Pat Tobie
Michelle Sforza
Cesare Gaetano Nesta
Nicola D'Auria
Lucio Nesta
Alessandro Russomanno
Maria Mattia Paturel
Michele Ceres
Diane Ventuno
Gerardo Ceres
Gerry Meola
Giuseppe Ceres
Gail Mattia Boffa
Allan McDonald
John Curcio
Neil Sturchio
Antonio Mattia
John O'Connor
David Michalak
Bill La Rezza
Donato Ceres
Armando Sturchio
Gerardo Del Guercio
Luciano Viscido
Rev. Thomas D. Nicastro Jr
Paolo Viscardi
Caren Matyckas
Eduardo Carey Russomanno
Rita Mattia ‎(new donation)‎
Bill La Rezza ‎(new donation)‎
Maria Gonnella Rosamilia
Idelma Di Masi
Mark Ceres
Frank Caprio
Dan Ravelo
Rosa Caruso

Till now the amount of donations has reached 3631 $ ‎(2677 Euros)‎: we hope for a large membership!

A few photos have been uploaded in the Facebook album "Genealogia caposelese". To see them go here. Above some samples.
Gruppo genealogia genetica Caposele
25 Dicembre 2014 - 6:52:58pm

Cari membri della "Genealogia di Caposele",
la genealogia genetica sta diventando un nuovo strumento per la ricerca genealogica, in aggiunta alla tradizionale analisi delle registrazioni scritte, che potrebbe aiutare quando non esistano documenti scritti, oppure per eventuali antenati di cui non si conoscano i genitori.

Sono lieto di annunciarvi che un gruppo di genealogia genetica focalizzato su Caposele è stato creato su Family Tree DNA da Michelle Sforza, un utente di origini Caposelesi registrato sul sito web "Genealogia di Caposele" ‎(il suo albero genealogico online si trova qui)‎.
Questo nuovo progetto è in aggiunta a quello portato avanti su questo sito web, relativo alla costruzione dell'albero genealogico online, e, come recita la sua descrizione: "Questo progetto mira a supportare con la genealogia genetica gli sforzi per tracciare le origini ed identificare le firme genetiche dei cognomi di Caposele".

Chiunque sia interessato, anche per chiedere informazioni su quale sia il test migliore, può contattare Michelle Sforza ‎(michelle.sforza chiocciola gmail.com)‎.


-------

Dear members of "Genealogy of Caposele",
genetic genealogy is becoming a new tool for genealogical research, in addition to the traditional written record analysis, and could help where no record exist or for ancestors whose parents are unknown.

I'm pleased to announce you that a group focused on Caposele genetic genealogy has been started on Family Tree DNA by Michelle Sforza, a registered user on "Genealogy of Caposele" website ‎(her online tree is here)‎.
This new project is in addition to the Caposele genealogical tree that we are building here, and, as it states: "This project aims to supplement with genetic genealogy these efforts to trace the origins and identify the genetic signatures of Caposele's unique surnames".

If anyone is interested, or to ask info on which test is best, please contact Michelle Sforza ‎(michelle.sforza at gmail.com)‎.
Progetto digitalizzazione: consultazione dei dati digitalizzati
11 Dicembre 2011 - 6:43:15pm

Cari membri,
tutte le persone interessate a contribuire al progetto possono
scegliere di donare o a me, tramite bonifico sul mio conto corrente,
o a John Rendfrey, spedendogli un assegno. Ognuno può scegliere il
metodo di pagamento più comodo, contattate per email me
‎([email protected])‎ o John ‎([email protected])‎ per avere le
informazioni necessarie per effettuare la donazione. Come regola
generale, i donatori dagli USA possono far riferimento a John, e gli
altri a me.

Per quanto riguarda la consultazione ai registri digitalizzati,
l'accordo con il parroco della Chiesa di San Lorenzo di Caposele, don
Vincenzo ‎(che dobbiamo ancora ringraziare per la sua disponibilità al
nostro progetto!)‎, prevede che il dvd con le foto degli antichi volumi
rimarrà nel suo ufficio nella Chiesa di S. Lorenzo ‎(il posto che li ha
custoditi e preservati per secoli)‎: l'obiettivo primario del progetto
consiste infatti nell'affiancare al supporto cartaceo quello digitale,
col fine di avere una copia "di backup" dei preziosi registri.
Ognuno, e in particolar modo i donatori, possono consultare il dvd nel
suo ufficio chiedendogliene il permesso.
Io e John abbiamo una copia dei dati, che abbiamo promesso di non
copiare. Ad ogni modo in questi dati possiamo effettuare ricerche
sugli antenati dei donatori ‎(date di nascita/matrimonio/morte)‎, e
caricheremo questi dati sull'albero genealogico online del sito
"Genealogia di Caposele"
‎(http://ars.altervista.org/PhpGedView/index.php)‎.

Disponendo della data di un certo evento, sarà molto più facile
individuare l'atto corrispondente consultando il dvd nell'ufficio
parrocchiale della Chiesa di S. Lorenzo.

Inoltre possiamo inviare 1 o 2 foto ai donatori che ci contatteranno,
una volta che avremo individuato le registrazioni dei loro antenati
nei dati digitalizzati. Per verificare ciò basta consultre l'albero
genealogico online, e verificare se i dati di un proprio antenato sono
provenienti dalla fonte S27 "Registri parrocchiali Chiesa San Lorenzo",
il che indica che l'informazione è stata recuperata dai registri
parrocchiali.

Pasquale Ceres ‎(e John Rendfrey)‎


------------------------------------------------------------------------------
Digitalization Project: availability of digitalized records

Dear members,
all people interested to contribute to the project can choose to donate either to me ‎(via money transfer to my bank account)‎, or to John
Rendfrey, by posting him a check. Everyone can choose the easier way,
just contact by email me ‎([email protected])‎ or John
‎([email protected])‎, to get the needed info for the donation. As a rule of
thumb, American donors can refer to John, and others to me.

About the availability of the digitalized records, we agreed with
Caposele S. Lorenzo Church's pastor, don Vincenzo ‎(that we must thank
again for his availability to our project!)‎, that the dvd containing the
photos of the old volumes will be in his office in Caposele S. Lorenzo
Church ‎(the place that has guarded and preserved them for centuries)‎.
The main target of the project consists in supporting the paper medium
with the digital one, with the aim to have a "backup" copy of the
precious records.

Everyone, and especially the donors, can consult the dvd in his office
by asking him permission.
I and John have a copy of the data, which we promised not to copy.
Anyway, in this data we can search donor's ancestors
birth\marriage\death dates, and we will upload this data in the online
tree on "Genealogia di Caposele" website
‎(http://ars.altervista.org/PhpGedView/index.php)‎. Once you have the
birth date of a certain event, it will be much easier for you to access
the corresponding record in S.Lorenzo Church office.

Moreover, we can send 1 or 2 records to the donors that contact us, once
we have located their ancestor's records in the digialized data. For
this, you can check the online tree, and see if one's ancestors has as a
source S27 "Registri parrocchiali Chiesa San Lorenzo", meaning that the
date was retrieved in the Church Records.

Pasquale Ceres ‎(and John Rendfrey)‎
Storia di Caposele
11 Dicembre 2011 - 6:43:00pm

Non ci sono notizie sulle origini di Caposele per cui sono possibili solo delle ipotesi in base agli indizi disponibili. Secondo una ipotesi Caposele deve il suo nome al fatto che si trova vicino alle sorgenti del fiume Sele. Il toponimo antico Caput Sylaris, tramandato da varie fonti storiche, è perfettamente conservato dal nome moderno Caposele e nella pronuncia dialettale: Capussela. Secondo l'ipotesi dello studioso Antonini l'origine di Caposele risalirebbe al periodo delle lotte fra tribù sannitiche e Romani. L'Antonini opinò che Caposele e gli altri paesi vicini fossero stati fondati da coloro che si ritiravano dai luoghi di passaggio militare come risultavano essere quelli dell'Alto Ofanto, teatro di furiosi scontri tra Sanniti e Romani impegnati nella conquista dei territori del Sud dell'Italia. Sul monte Oppido, che si trova tra Caposele e Lioni, sono stati ritrovati i resti di un'antica muraglia lunga qualche centinaio di metri raggruppante quattro ambienti che possono far pensare ad una fortezza di tempi vetusti, a guardia di una serie di casamenti. Alcuni pezzi di queste mura, che si confondono con le fabbriche di un castello medievale, costruite senza malta testimoniano che i blocchi di pietra non lavorati furono messi l'uno sull'altro in modo da tenersi fermi con il loro stesso peso. Quest'ultima ipotesi è avvalorata dal fatto che in età romana, la tranquillità dei luoghi favorì la ubicazione di un collegio del dio Silvano, prima delle foreste, successivamente identificato con il dio Pan. Questa presenza è confermata dal ritrovamento di una lapide con iscrizione latina in località Preta , a ridosso delle sorgenti del Sele, oggi custodita nel Museo Archeologico di Avellino. Il borgo, che i primi abitanti costruirono presso le sorgenti, si disponeva ad anfiteatro addossato alla montagna, intorno ad una grande quantità di polle sorgive che formavano un irrequieto laghetto, le cui acque davano origine al primo tratto del fiume Sele. Il luogo non ha subito mutamenti fino ai primi del 1900. Con l'energia sprigionata dall'acqua si attivavano i mulini, le gualchiere, gli oleifici e le tintorie. Comunque, qualunque sia la sua origine, la prima notizia di un feudo di Caposele, e di un probabile Castello, risale ai tempi dei Normanni, all'incirca al 1160, quando ne era signore Filippo di Baldano. I Baldano, conti di Conza, erano dei guerrieri potentissimi. A questo periodo risale anche l'esistenza, nel territorio di Caposele, di altri piccoli feudi, come la Terra di Boiaro, la Terra di Maliventre, poi Boninventre e la Terra della Torricella, con la torre, le fontane, le case, la chiesa e il convento fondato dal futuro vescovo di Bisaccia Francesco di Caposele sotto il titolo di San Francesco dei Minori Conventuali. La Torricella fu distrutta e i superstiti si rifugiarono a Caposele, Santomenna e Teora. Intorno all'anno 1000 risalirebbe la nascita del primo Torrione di Caposele innalzato a difesa del territorio. I Baldano erano entrati in possesso di queste Terre dopo che, nel 1079, il duca di Calabria Roberto Guiscardo fece bruciare messi e casolari con tutti gli uomini, distruggendo torri e interi castelli. Filippo Baldano di Caposele, ai tempi delle crociate, inviò i suoi uomini più forti a Dudon di Conza, nobile guerriero decantato anche da Dante, spedito in Terra Santa con 3 cavalieri, 60 crociati e centinaia di fanti del circondario per contribuire a liberare il Santo Sepolcro e a conquistare Gerusalemme. Morto Filippo nel 1239, Caposele, appartenuto nel 1190 a Ruggiero, passò nelle mani del discendente Raone Baldano, ultimo signore prima che la famiglia si estinguesse con l'arrivo di Federico II, prima di finire al demanio imperiale degli Svevi. Secondo un documento del 1241, Caposele, Senerchia e Calabritto dovevano concorrere alla riparazione del Castello imperiale di Campagna. Gli Svevi avevano abbandonato la politica normanna delle torri in ogni feudo, avevano preso a costruire poche e robuste fortezze nell'enorme provincia, scegliendo il Castello di Campagna come sede politica del giureconsulto regio, insediatosi per riscuotere gabelle e per amministrare il territorio, come un sottoprefetto assoggettato a Foggia. Caposele fu poi donata da re Manfredi di Svevia a Minora Gentile che lo porto' in dote a Federico Maletta, conte di Apice, finendo sotto la giurisdizione amministrativa del Castello imperiale di Apice. Dopo la congiura dei signori, passati con i nuovi conquistatori Angioini, e la cacciata degli Svevi, re Carlo I d'Angiò, nel 1284, diede il feudo di Caposele al suo fido Pietro Anni Baldo, prima di giungere nelle mani di Anselmo di Caore. Questo nobile cavaliere morì nel corso della spedizione di Serbia e, non essendo tornato nel Regno nonostante la proroga di Pentecoste, come si usava allora, l'8 giugno 1289, gli decadde ogni titolo. Per premiare i suoi fedeli figli e per esaltarne la memoria, Carlo II d'Angiò assegnò i feudi di Caposele e Stigliano, per 80 deca annue, al nobile Guglielmo Della Marra, che li consegnò al figlio Ruggiero. Alcune fonti rivelano l'esistenza nel 1322 di un vero e proprio Castello, affidato ad un Ballini che fornì ancora una volta uomini e fanti per la ennesima spedizione in Terra Santa. Il borgo, incluso in una cinta muraria, riuscì a svilupparsi divenendo sempre più importante. Il feudo, rimasto a Ruggiero II Della Marra, in quanto dote della moglie Mansella di Salerno, fu rivenduto a Giacomo Arcuccio, conte di Minervino, nel 1376. Una parte di esso, forse dove sorge l'insediamento di "Capo di fiume", giunti gli Aragonesi a Napoli, fu del poeta Iacopo Sannazaro, che l'ebbe in dono dalle mani dei sovrani. Nel 1416 la regina Giovanna II affidò le rendite del feudi di Caposele ad Antonio Gesualdo. Nel 1445 Caposele era di Roberto Gesualdo, al quale successero Elia, Luigi, Sansone, Nicola e, nel 1480, il fratello Luigi II, a cui re Ferdinando I D'Aragona oltre Caposele, Conza ed Andretta, concesse anche i feudi di Cairano e Calitri. E' grazie a Luigi II Gesualdo che Caposele assurge, nel 1494, al titolo di Università, cioè di Comune a sé, capace di eleggere un sindaco e un parlamento liberamente, per alzata di mano dei suoi abitanti. Il borgo si conquistava così il titolo di Terra di Caposele. Il paese divenne autonomo intorno al 1500. Ad amministrare i suoi beni in Caposele, i Gesualdo mandarono sicuramente delle case blasonate alle loro dipendenze concedendo titoli e terre. E' qui che entrano, nel gioco della storia, le prime famiglie nobili residenti, come i Benincasa, i Bozio, i Ceres, i Cozzarelli, i De Rogatis, gli Ilaria, i Masi, i Russomanno, i Santorelli. Nel 1498 Luigi II Gesualdo fu ribelle alla Corona, per cui il re affidò il feudo di Caposele allo spagnolo Consalvo Fernandez de Cordova fino al 1505, quando Luigi II, perdonato, riprese il possesso delle sue terre. Caposele fu poi donato nel 1518 da Ferdinando il Cattolico, al figlio Luigi, Fabrizio Gesualdo, ed ereditato nel 1566 da Luigi IV e, nel 1584 da Fabrizio II e quindi , nel 1586 da Carlo Gesualdo, il quale non avendo figli maschi, lo fece slittare a Nicolo' Ludovisio marito della figlia Isabella, nel 1613. A Isabella successe la figlia Lavinia nel 1629 che, morta senza lasciare eredi diretti, fece incamerare il feudo e gli immensi beni che aveva dalla Regia Corte in quello stesso 1636. Il feudo di Caposele fu ricomprato dallo stello duca di Fiano Niccolò Ludovisio che, nel 1658, lo fece ereditare al figlio Giovan Battista. Nel 1656 il borgo si vide decimato dalla peste di 642 abitanti e dal terremoto del 1694 di 40 persone. Varie comunità religiose avevano occupato l'intero territorio e le innumerevoli chiese; in particolare vi era la chiesa Madre di San Lorenzo, nella quale erano custodite, oltre le reliquie del Santo protettore, anche quelle di S. Nereo, S. Achilleo e S. Emerenziana. Il feudo di Caposele arrivò nelle mani di Inigo Rota che, sposata Beatrice Mastrullo, ottenne dal re il titolo di Principe di quella Terra; i Signori preferivano la bella Napoli alle rupestri alture. Caposele fra un terremoto e un'alluvione, rimase ai Rota passando, nel 1714, da Marcantonio a Inigo II e, nel 1771, ad Ippolita Rota, che lasciò il Principato nelle mani del marito. Carlo Lagni fu l'ultimo signore fino all'abolizione delle feudalità con la legge francese del 1806, allorquando il paese contava quasi 4.000 abitanti.

Dal sito: http://www.tuttocampania.it/dettaglio_comune.php?nome_paese=Caposele&campo=storia
Informativa sulla privacy
11 Dicembre 2011 - 6:42:47pm

Le ricerche genealogiche, per loro natura, portano alla creazione di un
archivio contenente dati personali ‎(nomi, date, relazioni, ecc.)‎

Chiunque desideri, a qualunque titolo, non apparire sul nostro sito, per motivi di privacy,
puo' tranquillamente sciverci: provvederemo a rimuoverlo dai nostri
archivi con sollecitudine!

Chi invece fosse felice di rientrare nella
grande famiglia delle genti caposelesi ‎(molte delle quali, ahime', non
piu' residenti nell'amato paese)‎, e' invitato a
collaborare attivamente alla costruzione dell'archivio,
registrandosi sul sito, o inviandoci notizie ed informazioni utili
al riguardo.
Aiutaci ad estendere l'albero genealogico a tutta Caposele!
11 Dicembre 2011 - 6:40:14pm

Collaborare e' facilissimo: scrivi una mail a [email protected], sarai abilitato ad estendere il database inserendo i tuoi dati.

Parti da una persona gia' presente nel database, e che e' anche nel tuo albero genealogico, ed inserisci tutti i tuoi parenti.

Una volta selezionata una persona, spostarsi nella sezione "parenti stretti", e procedere ad aggiungere fratelli, sorelle, genitori, marito o moglie, ecc.

Non temere di sbagliare: i dati dovranno essere confermati prima di diventare definitivi: in ogni caso sara' sempre possibile correggere eventuali errori.



Collaborate in massa!

Messaggio dall'Argentina
11 Dicembre 2011 - 6:36:03pm

Ci ha scritto Eduardo Alejo Ceres, parroco di un paese vicino Buenos Aires, in Argentina. E\' di origini caposelesi, e vorrebbe entrare in contatto con i suoi parenti di Caposele. Qualcuno ha elementi per aiutarlo? Ecco il suo messaggio:

-------------------------------------------------------------
Mi chiamo Eduardo Alejo Ceres e sono Parroco di Chacabuco, provincia di BUENOS AIRES, Argentina; sono di origini italiane perché il mio bisnonno Generoso Ceres era nato a Caposele nel 1854. Generoso Ceres era figlio di Raffaele Ceres, e Mariantonia Sozio. Mi piacerebbe sapere se ho parenti a Caposele. Grazie per la risposta.
-------------------------------------------------------------
Me LLamo Eduardo Alejo Ceres y soy Cura Parroco en Chacabuco,
Provincia de Bs As, Argentina y acabo de sacar mi ciudadanía italiana
ya que mi bisabueblo Generoso Ceres, nació en Caposele en 1854.
Generoso Ceres, era hijo de Rafaelle Ceres, y Maríantonia Sozio.
Quisiera saber si tengo familiares en Caposele. Gracias por
responder.
Statistiche del file GEDCOM
Genealogy from ‎‎Caposele
Il file GEDCOM è stato creato usando PhpGedView 4.2.1 il 16 Settembre 2010
Persone
Totale maschi
5653
51.72%
Totale femmine
5275
48.26%
Cognomi totali
Famiglie
Fonti
Oggetti multimediali
Altri dati
5
Eventi totali
9311
Utenti totali
249

Anno di nascita più vecchioDonatantonio Castellano ‎(I8472)‎
Anno di nascita più recenteI dettagli di questa persona sono privati.
Anno di morte più vecchioGiuseppe Vitamore ‎(I8474)‎
Anno di morte più recente Antonietta Formichella ‎(I11546)‎
Persona più longeva
104
Filomena Mattia ‎(I5401)‎
Età media di morte
54
Totale maschi: 53   Totale femmine: 55
Famiglia con più figli
18
Vincenzo Russomanno + Maria Maddalena Faillace ‎(F1959)‎
Matrimonio Argentina
Numero medio di figli per famiglia
2.32
 
Vedi le statistiche come grafico

Cognomi più comuni
BOTTIGLIERI, BOZIO, CAPRIO, CARUSO, CASALE, CASTAGNO, CERES, CETRULO, CHIARAVALLO, CIBELLIS, CICCONE, CIFRODELLI, CIONE, COLATRELLA, CONFORTI, CORONA, CUOZZO, CURCIO, D'AURIA, D'ELIA, DAMIANO, FARINA, FREDA, GERVASIO, GONNELLA, GRASSO, GUERCIO, IANNUZZI, ILARIA, MALANGA, MASI, MATTIA, MERINO, MEROLA, MONTEVERDE, NESTA, NISIVOCCIA, PALLANTE, PAOLERCIA, PECCATIELLO, PETRUCCI, PIZZA, PROIETTO, ROSANIA, ROSSOMANNO, RUGLIO, RUSSOMANNO, SALVATORIELLO, SENA, SICA, SISTA, SOZIO, SPATOLA, STURCHIO, TOBIA, VENTRE
Top 10 Cognomi
CognomeSURNPersone
1CeresCERES652
2RussomannoRUSSOMANNO573
3MalangaMALANGA451
4SturchioSTURCHIO247
5MerolaMEROLA240
6NestaNESTA233
7CaprioCAPRIO218
8CarusoCARUSO181
9FarinaFARINA166
10CetruloCETRULO165
   Persone Totali: 3126
Totale Nomi: 10
Genealogy from ‎‎Caposele

20 Agosto 2017 - 5:36:24pm

Utenti collegati
1 utente collegato